Archivi categoria: Uncategorized

Banjole

Banjole è un piccolo villaggio di circa 1000 abitanti che si trova nella penisola istriana, a metà strada tra la splendida Pola e Premantura, dove si trova il famoso  parco naturale del Kamenjak.

19105752_1031430313654695_1476321867265418001_n.jpg


CLICK QUI PER TUTTE LE INFORMAZIONI SU POLA!


CLICK QUI PER TUTTE LE INFORMAZIONI SUL PARCO NATURALE DEL KAMENJAK!


Banjole si compone principalmente di villette e case vacanza, tutte vicinissime al mare; i pochi abitanti del paesino vivono principalmente di turismo, pesca e ostricultura ; le uniche due strutture davvero super turistiche sono un resort molto grande, che affitta camere e appartamenti in un unico complesso con piscina e spiaggia privata, e un camping.

19247919_1031430603654666_4893625631387839600_n.jpg


CLICK QUI PER TUTTE LE INFORMAZIONI SUL “RESORT DEL MAR” DI BANJOLE!


CLICK QUI PER TUTTE LE INFORMAZIONI SUL “CAMPING PESKERA” DI BANJOLE!


Il pittoresco villaggio si trova su una piccola penisola e le spiagge intorno alla zona di Banjole sono davvero moltissime e abbastanza varie, l’unica caratteristica ricorrente è la pineta, che verde e rigogliosa si estende quasi fino all’inizio della sabbia.

19059232_1031430330321360_9118346617994123795_n.jpg

Le spiagge di Banjole sono abbastanza piccole e tranquille, l’acqua è sempre calma e trasparente; la zona è così tranquilla perchè essendo una costa molto frastagliata si compone principalmente di piccole calette di sabbia o ghiaia bianchissima, ed anche in altissima stagione si può trovare quel relax che a volte nelle spiagge troppo affollate si perde.

19059667_1031430616987998_4908774291591211518_n.jpg

Anche se Banjole è una località molto tranquilla, è pur sempre una meta turistica, quindi non mancano spiagge attrezzate, bar, ristoranti, supermercati e centri per le escursioni: da Banjole è infatti possibile prenotare le escursioni in barca alla scoperta delle isolette disabitate dell’arcipelago istriano.

Banjole è la località di vacanza perfetta per chi cerca relax e tranquillità ma non solo, data la sua vicinanza a Pola, in soli 10 minuti di auto ci si può trovare in una realtà completamente diversa, in un vero e proprio centro abitato con una grande via dello shopping, parecchi ristoranti e locali notturni, per tutti i gusti e per tutte le età.

Annunci

Museo d’Orsay

 

Il Museo d’Orsay si trova di fronte al Museo del Louvre, dentro un ex stazione ferroviaria risalente al 1800, la gare d’Orsay, da cui prende il nome. Il museo d’Orsay è celebre per i numerosi capolavori dell’impressionismo che sono esposti al suo interno.

Musée_d'Orsay,_North-West_view,_Paris_7e_140402.jpg

Il museo è famoso in particolare per i quadri dei pittori impressionisti, tra i più celebri ricordiamo Claude Monet, Edouard Manet e Vincent Van Gogh; il museo ha in esposizione non solo dipinti, ma anche opere che risalgono alla seconda metà del XIX secolo come fotografie, sculture e opere d’arte decorativa e creativa.

Musée_d'Orsay_-_panoramio_(1).jpg

All’interno del Museo d’Orsay c’è un’intera galleria dedicata ad Henry de Tolouse-Lautrec, pittore, illustratore, fotografo, litografo e rivoluzionario bohemien che contribuì alla nascita e allo sviluppo del Moulin Rouge e del quartiere di Montmartre in generale.

Moulin-Rouge01.JPG


CLICK QUI PER TUTTE LE INFO SUL MOULIN ROUGE!


CLICK QUI PER TUTTE LE INFO SU MONTMARTRE!


Nel museo d’Orsay è stato deciso di esporre solo ed esclusivamente opere artistiche che si collocano tra il 1848 (inizio della seconda repubblica) e il 1914 (inizio della I guerra mondiale). In questo modo le esposizioni contenute al museo d’Orsay colmano la lacuna esistente tra le collezioni del Louvre e quella del centro Georges Pompidou, che entrambe non contengono opere di questo periodo storico.

640px-Orologio_museo_d'Orsay.jpg


CLICK QUI PER TUTTE LE INFO SUL CENTRO GEROGES POMPIDOU!!


Tra le opere più famose esposte al museo ricordiamo:

  • Autoritratto (1889), Vincent Van Gogh
  • Natura morta (1864), Claude Monet
  • Il parlamento di Londra (1904), Claude Monet
  • Olympia (1863),  Edouard Manet
Vincent_van_Gogh_-_Self-Portrait_-_Google_Art_Project.jpg
Autoritratto, Vincent Van Gogh

Il museo d’Orsay è aperto dal martedì alla domenica, dalle 9:30 alle 18:00. Il costo del biglietto d’ingresso è di 12€.

Il museo d’Orsay è facilmente raggiungibile con la metropolitana, la fermata si chiama Solferino e si trova sulla linea 12.


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA METROPOLITANA DI PARIGI!


 

Sainte Chapelle

La Sainte Chapelle si trova nell’ile de la Citè e fu costruita nel 1246 sotto commissione di Luigi IX che volle costruire una cappella per custodire la corona di spine, un frammento della croce di sulla quale fu crocifisso Gesù, e altre reliquie della Passione di Cristo che il sovrano acquistò qualche anno prima.

Szensapel.jpg

In soli 7 anni fu eretta l’intera cappella senza alcun difetto di costruzione e senza badare a spese; la Saint Chapelle si distingue per la sua eleganza e la sua altezza, concepita come un grande reliquiario quasi interamente vetrato è uno dei più importanti monumenti gotici della città di Parigi.

1280px-Sainte-Chapelle-Interior.jpg

La Saint Chapelle fu spogliata delle sue reliquie durante la Rivoluzione francese e oggi viene visitata dai turisti di tutto il mondo non tanto per la sua sacralità, ma per la bellezza delle immense vetrate istoriate e per gli interni magnificamente scolpiti.

Sainte_Chapelle_-_Rosace.jpg

La Saint Chapelle è facilmente raggiungibile con la metropolitana, la fermata è Citè sulla linea 4; Citè è l’unica fermata dell’intera rete metropolitana della città che si trova su un’isola.


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA METROPOLITANA DI PARIGI!


 

 

 

Montparnasse

Un altro famoso quartiere della città di Parigi è Montparnasse; la storia del quartiere è abbastanza interessante, il nome Mont Parnasse fu dato da alcuni studenti, che nel XVII secolo amavano ritrovarsi su una collina per studiare e per decantare poesie e la soprannominarono Mont -Parnasse in riferimento al Monte Parnaso, dimora delle Muse nella mitologia greca.

Plaque_mosaïque_boulevard_du_Montparnasse.JPG

La collina fu rasa al suolo nel XVIII secolo per costruire Boulevard de Montparnasse; fino al XX secolo il quartiere sembrava un piccolo paesino, con case basse e aiuole fiorite, quando ad un certo punto vi si iniziarono a stabilire giovani artisti e stranieri.

Tower-Paris-Montparnasse-Hochaus-Night-109946.jpg
Torre di Montparnasse

Nel 1920 Montparnasse era nel suo periodo più florido, artisti provenienti da tutto il mondo si trasferirono nella zona tra cui Pablo Picasso, Marc Chagall, Vincent Van Gogh e Salvador Dalì.

00-000-1-1_2015_Dancing_Painter_Show_Salvador_Dali_ver_2_0.jpg
Salvador Dalì

A Montparnasse non troviamo particolari opere d’arte e monumenti, è interessante passeggiare per le vie storiche dove abitarono i più grandi artisti di tutti i tempi; tra i principali luoghi d’interesse vi segnalo la torre di Montparnasse costruita nel 1972 alta 210 metri e il cimitero di Montparnasse dove riposano Charles Baudelaire, Jean Paul Sartre e Samuel Beckett.

Cimetiere_Montparnasse_Paris_Genie_Daillion.jpg
Cimitero di Montparnasse

Montparnasse, insieme a Place de l’Italie, Montmartre e il Marais, è una delle zone ideali per soggiornare a Parigi, vicina al centro, sicura, servita di mezzi pubblici e ricca di fascino.

Towards_Montparnasse_from_the_Eiffel_Tower.jpg
Torre di Monparnasse vista dalla Tour Eiffel

Nel quartiere di Montparnasse c’è un importante svincolo della metropolitana parigina, alla fermata di Montparnasse-Bienvenue si incontrano le linee 4, 6, 12 e 13.


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA METROPOLITANA DI PARIGI!!


 

La Defense

La Defense è un quartiere di Parigi composto principalmente da grattacieli di uffici e centri commerciali e si trova ad ovest di Parigi. La Defense è il più grande quartiere finanziario d’Europa.

La_Grande_Arche_de_la_Défense_and_the_Yaacov_Agam_Fountain_(1977).jpg

Molti turisti credono che la Defense sia una zona militare o che abbia a che fare con l’esercito, ma non è così. La Defense nacque intorno agli anni ’60 e prende il suo nome dalla statua della “Defense de Paris” del 1883, che commemora i soldati che difesero Parigi durante la guerra franco-prussiana;

Statue_of_la_Défense_June_2010.jpg

Il quartiere della Defense è diviso in 4 grandi settori che comprendono circa 1500 aziende, 3000 camere d’albergo, 150.000 impiegati, 120.000 metri quadrati di spazi verdi e 60 opere d’arte moderna.

Place_de_la_Defense_2004.jpg

La visita alla Defense può essere entusiasmante specie se si ama l’architettura moderna,  i grandi palazzi e i grattacieli arrivano fino ad un massimo di 188 metri di altezza; la Defense è il più grande centro direzionale d’Europa e negli ultimi anni è molto frequentato dai turisti anche grazie alla potenza e all’efficienza dei mezzi pubblici.

La_Defense,_Paris.jpg
Vista della Defense dalla Tour Eiffel

La Defense può sembrare lontana dal centro di Parigi, ed in effetti lo è ma grazie alla metropolitana è raggiungibile in circa 15 minuti;

Si può arrivare alla Defense con la linea 1 della metropolitana, la fermata si chiama La Defense; si può anche prendere la ReR A e la fermata è la medesima: La Defense


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA METROPOLITANA DI PARIGI!!


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA RER DI PARIGI!!


Panorama_La_Défense.jpg
Vista notturna sulla Defense 

 

Le Marais

Il Marais è uno dei quartieri più belli e visitati di Parigi, si trova in pieno centro, sulla riva destra della Senna. Il Marais è diviso tra il III e il IV arrondissement, ed è uno dei quartieri più antichi della città; la struttura architettonica del quartiere non ha risentito particolarmente della trasformazione ottocentesca voluta dal barone Haussman, quindi il Marais è uno dei pochi luoghi di Parigi dove troviamo uno stile architettonico prerivoluzionario.

Musée_Carnavalet,_Paris_2008_001.jpg

Il Marais è uno dei quartieri ideali per soggiornare a Parigi, rimane piuttosto chic rispetto ad altre zone più economiche come Place de l’Italie o Montmartre; nel Marais ci sono varie boulangerie, ossia le panetterie tipiche di Parigi che sono assolutamente da provare, mentre la sera ci sono diversi locali carini dove è possibile prendere un aperitivo o bere qualcosa after dinner.

Restaurant_les_Philosophes_-_rue_vieille_du_Temple_-_Paris.jpg

Il quartiere è molto frequentato non solo dai turisti ma anche dagli stessi parigini, specie nel fine settimana che amano passeggiare tra i vicoli della zona dove ci sono splendide boutique di artisti emergenti ed eclettici dove fare un ottimo shopping.

29189464221_b09518f3bb_b.jpg

L’attrazione principale del Marais è sicuramente Place des Vosges, una piazza unica nel suo genere, la prima di Parigi risalente al 1600.

Pavillon_de_la_reine,_Place_des_Vosges,_21_July_2013.jpg


CLICK QUI PER TUTE LE INFO SU PLACE DES VOSGES!!


Oltre alla meravigliosa Piazza dei Vosgi, altri punti di interesse sono il museo di Picasso e l’Hotel de Ville che è la sede del municipio della città.

hotel-de-ville-1128994_960_720.jpg
Hotel de Ville.

Il quaritere del Marais, tra le vie Des Rosiers , Vieille du Temple e Pavèe, ospita la più importante comunità ebraica della città e nei negozi e nei ristoranti si trovano specialità tipiche ebraiche; nel Marais si trova anche il museo di arte e di storia giudaica.

P1020669_Paris_III_Hôtel_de_Saint-Aignan_Musée_d'art_et_d'histoire_du_judaisme_rwk.JPG
Museo di arte e storia giudaica.

Il Marais è una zone più “cool” e più belle della città, un giro per il quartiere è sicuramente consigliato, tra locali di tendenza e splendide boutique non vi annoierete di certo!

 

 

Centro Georges Pompidou

Il centro Georges Pompidou prende il nome dall’ex presidente della Repubblica Francese (in carica dal 1969 al 1974) che volle fortemente costruire un museo di arte contemporanea a Parigi per mantenere alto lo status della città sul panorama artistico mondiale, sempre più contesogli da New York.

6093712086_ed14e49a25_b.jpg
Centro Pompidou

Il centro Pompidou fu quindi inaugurato nel 1977 dal presidente della Repubblica Valéry Giscard d’Estaing in presenza, della vedova di Georges Pompidou e di numerosi capi di Stato esteri. Il centro Pompidou originariamente comprendeva solo la a Bibliothèque Publique d’Information (biblioteca di informazione pubblica) e il Musée National d’Art Moderne (museo nazionale di arte moderna).

Alla fine degli anni novanta l’edificio è stato interessato da una radicale ristrutturazione, su progetto di Renzo Piano, e ha riaperto il primo gennaio del 2000. Fu aggiunta una nuova ala del centro, l’IRCAM, progettata anch’essa da Renzo Piano, è una zona del centro dedicata alla musica e alle ricerche della materia acustica.

640px-IRCAM_at_Beaubourg_2009.jpg
Lato dell’IRCAM

Oggi il centro Pompidou ha una collezione di circa 70 mila opere e non si tratta solo di arti visive, ci sono capolavori di fotografia, architettura e di design; il museo propone una collezione di opere multimediali che vengono spesso rinnovate e sono accompagnate da conferenze, concerti, dibattiti e spettacoli di ogni genere.

400260245_34cc7b1057_b.jpg
Esterno del centro Pompidou

Le opere in esposizione sono tantissime, cito alcune tra le più famose:

  • Arlecchino – Ritratto di Jacinto Salvado (1923), Pablo Picasso
  • Ritratto di ragazza (1914), Pablo Picasso
  • Mosè riceve le tavole della legge (1950-1952), Marc Chagall
  • Slancio moderato (1944), Vasilij Kandinskij
  • Mulini a vento (1904), Vasilij Kandinsky

Tempered_Elan_-_Kandinsky's_last_painting.JPG
“Slancio Moderato – Vasilij Kandinsky”

Il centro Georges Pompidou è aperto dal mercoledì al lunedì dalle 11:00 alle 20:00, l’ingresso costa 14€ con incluse le visite alle esposizioni; se si vuole accedere alla terrazza panoramica situata all’ultimo piano ma senza vedere le collezioni, il costo del biglietto è di 3€.

Si può arrivare al centro Pompidou con la metropolitana, la linea è la 11 e la fermata si chiama Rambuteau


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA METROPOLITANA DI PARIGI!!


 

Arco di Trionfo di Parigi

L’arco di trionfo è è uno dei più importanti monumenti di Parigi e si trova in Place de l’Etoile, all’inizio del viale Champs Elysees;

Arc_de_Triomphe_(Place_Charles_de_Gaulle,_Paris).jpg

la costruzione dell’arco iniziò per volere di Napoleone I, che dopo la battaglia di Austerlitz promise ai suoi soldati che sarebbero tornati a casa passando sotto un arco di trionfo. Così nel 1806 iniziarono i lavori di costruzione di un grande arco trionfale dedicato alle vittorie dell’esercito francese.

800px-Arc_Triomphe.jpg

Napoleone non vide mai la sua opera realizzata perchè i lavori durarono più tempo del previsto, fu una vera e propria impresa erigere l’arco: ci fu una vera e propria faida tra i due famosi architetti ai quali era stata assegnata l’impresa; Jean Chalgrin e Jean-Aranud Raymond avevano idee e progetti diversi, e dopo due anni Napoleone decise di affidare la direzione esclusivamente a Chalgrin; i lavori procedettero molto lentamente, nel 1810 c’erano ancora solo i pilastri dell’arco ed erano alti poco più di un metro. Chalgrin morì in circostanze misteriose nel 1811 e qualche giorno morì nelle stesse circostanze il suo antagonista Arnaud.

1024px-Paris-Triumph-Bogenh.jpg

Dopo le sconfitte di Napoleone nella campagna di Russia e i disastrosi eventi che portarono al suo esilio nel 1815,  i lavori della costruzione dell’arco si interruppero e ripresero soltanto nel 1824 quando, durante la restaurazione Luigi XVIII fece ricominciare i lavori da due architetti che stravolsero un po’ il progetto iniziale, che fu poi ripreso dal suo successore Luigi Filippo, che dedicò il monumento a tutti coloro che combatterono per Francia, dai soldati ai rivoluzionari.

Nel 1920 dopo la I Guerra Mondiale alla base dell’arco fu posta la tomba del milite ignoto per celebrare i caduti, e dal 1945 in poi la tomba fu dedicata anche alla memoria dei morti e dei dispersi della II Guerra Mondiale.

Ogni sera alle 18:30 i membri dell’associazione delle vittime di guerra ravvivano la fiamma, che non si spegne dal 1923.

arc-de-triomphe-514288_960_720.jpg

L’arco di trionfo di Parigi è stato definito il più bello del mondo, e ci si può salire al costo di 12€ (gratis per gli under 26 residenti in Europa), tutti i giorni dalle 10:00 alle 22:00.

Per arrivare all’arco di trionfo si può prendere la metropolitana e la fermata si trova sulle linee 1, 2, 6 e si chiama Charles-de-Gaulle-Etoile

oppure con la ReR linea A fermata Charles-de-Gaulle-Etoile


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA METRO DI PARIGI!!


CLICK QUI PER LA MAPPA DELLA RER DI PARIGI!!


Place Des Vosges

Place des Vosges è la più antica piazza di Parigi e si trova in uno dei quartieri più belli della città: il Marais; la piazza fu costruita per “riempire” uno spazio vuoto lasciato da Caterina De’Medici, che dopo la morte del marito nel 1563 fece demolire l’antico palazzo reale e commissionò di costruire il Palazzo delle Tuileries, dove poi si trasferì.

Pavillon_de_la_reine,_Place_des_Vosges,_21_July_2013.jpg

Alcuni decenni dopo, il Re Enrico IV di Francia decise di realizzare la prima piazza reale di Parigi, costruendo quattro edifici perfettamente uguali: su ciascuno dei 4 lati furono edificati 9 caseggiati, lunghi 144 metri ciascuno, con 4 finestre, 3 piani, il solaio e il portico al pian terreno.

Paris-Place-Des-Vosges-Source-489793.jpg

Place des Vosges fu inaugurata nel 1612 in occasione del matrimonio di Luigi XIII con Anna d’Austria e ospitò uno spettacolo equestre per celebrare le nozze; al centro della piazza fu eretto un monumento in onore di Luigi XIII.

F0724_Paris_IV_place_Vosges_statue_Louis_XIII_rwk.jpg

La piazza ha cambiato nome dopo la rivoluzione francese, prima del 1789 il nome di questa meraviglia architettonica era Place Royale; il nome Place des Vosges tradotto “Piazza dei Vosgi” deriva dal primo dipartimento che pagò le tasse al nuovo stato repubblicano, i Vosgi.

1024px-P1140404_Paris_III-IV_square_Louis_XIII_place_des_Vosges_rwk.JPG

Molto vicino a Place des Vosges si trova l’Hotel Rohan Guemenee costruito dal celebre architetto Isaac Arnaud, luogo in cui visse Victor Hugo fino al momento in cui venne esiliato; oggi al suo interno si trovano una mostra e un museo a lui dedicati.

4b9c4b53806618c5da3d52e9a9c5230e.jpg
Ingresso del museo dedicato a Victor Hugo

Champs Elysees

Avenue des Champs Elysees è uno dei principali viali di Parigi, ed è sicuramente il più popolare.

Arc_de_Triomphe_-_Champs-Élysées.jpg

Il viale degli Champs Elysees deve il suo nome agli antichi romani, la cui mitologia prevedeva che dopo la morte ci fosse una sorta di paradiso chiamato Campi Elisi; il viale non è però risalente ai tempi dell’antica Lutezia, fino al 1616 al posto degli Champs Elysees c’erano solo dei semplici campi. Fu Maria De’Medici che “iniziò” la costruzione del viale, facendo costruire un percorso alberato dal Louvre fino alla Tuilleries; nel 1725 il viale alberato venne esteso fino a Place de l’Etoile, dove ora sorge l’Arco di Trionfo; col passare del tempo divenne una via alla moda, gli aristocratici e i borghesi amavano passeggiare sul viale; sugli Champs Elysees venne aperta una scuola di musica che fu frequentata da Maria Antonietta in persona, che amava fare lunghe camminate sul viale insieme alle sue amiche. Nel 1828 gli Champs Elysees entrarono ufficialmente a far parte della città di Parigi che era in continua espansione, e si iniziarono a costruire i primi negozi.

Louis_Vuitton_Champs_Elysees.jpg

Oggi la via degli Campi Elisi va da Place de la Concorde a Place de l’Etoile, ed è lunga quasi 2km; passeggiando sul viale ci immergiamo in una delle vie più lussuose e apprezzate del mondo, troviamo il famoso cabaret lidò dove possiamo assistere a spettacoli di burlesque e can can , negozi delle più rinomate case di moda, caffè e ristoranti di lusso ma non solo, gli Champs Elysees non sono dedicati solo al lusso, c’è un perfetto connubio tra “negozi low cost” e di lusso, tra ristoranti stellati Michelin e fast food.

Casino_LIDO_on_Champs_Elysees,_Paris_(interior)_(2).jpg


CLICK QUI PER TUTTE LE INFO SUL CABARET LIDO!


23150404650_0ec8558f91_b.jpg

Nel periodo natalizio sugli Champs Elysees vengono allestiti degli spettacolari mercatini, che deliziano grandi e piccini con cibo tipico, bevande calde e ottime possibilità di comprare qualcosa di interessante a buon prezzo.